Con il piede giusto

È positivo il bilancio del Consiglio Europeo sul Recovery Fund, ribattezzato dalla commissione Next Generation EU. Rimangono certo delle divisioni ma ha sottolineato la presidente della Commissione Ursula von Der Leyen “è necessario non perdere tempo e tenere in mente il progetto complessivo”. Dello stesso avviso il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel che ha indicato nella metà di luglio il periodo per un consiglio decisivo ed in presenza. Soddisfatto degli strumenti messi a disposizione dall’Europa anche il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli che ribadisce: “nessuno faccia scaricabarile e si sfruttino al meglio queste opportunità”. Arriva anche il commento del presidente del Consiglio Conte che da Villa Pamphili spiega: “La linea rossa dell’Italia è  che la proposta della Commissione sia ambiziosa, scendere al di sotto di quel livello non è accettabile si tratta di un pacchetto ben bilanciato tra sussidi e prestiti, toccarlo significa smontare un articolato progetto e non è accettabile”. Intanto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio nel corso della sua visita in Turchia torna sulla stabilizzazione politica della Libia. Donato Bendicenti ne ha parlato con Alberto D’Argenio “La Repubblica” e Luca Jahier (CESE).

La scommessa

Alla vigilia del Consiglio Europeo, incontro al Quirinale tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il governo Conte. Chiede risposte rapide e concretezza il capo dello Stato, i fondi europei rappresentano una grande opportunità e bisogna saperli sfruttare al meglio. Concetto ribadito anche da Conte agli Stati Generali dell’Economia. Quello economico non è l’unico tema ad animare il discorso politico: decreti sicurezza in discussione al Viminale e vertice di centrodestra sulle candidature alle regionali. Intanto a Londra incontro tra il premier Boris Johnson e il presidente della Repubblica Francese Emmanuel Macron, sul tavolo ancora la Brexit.

Donato Bendicenti ne ha parlato con Simona Bonafè (Partito Democratico) e Marco Campomenosi (Lega).

Un obiettivo ambizioso

L’informativa alle Camere del presidente Conte prima del Consiglio Europeo, il confronto con Confindustra agli Stati Generali dell’Economia, ma anche il MES, il contributo dell’Europa alla ricerca sui vaccini e gli esami di maturità al centro della discussione tra Donato Bendicenti e i suoi ospiti: Sabrina Pignedoli (Movimento 5 Stelle) e Carlo Fidanza (Fratelli d’Italia).

Il ruolo del mercato

Il ruolo del mercato finanziario nella fase della ripresa economica è centrale – avverte il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio inviato al presidente della Consob Paolo Savona, che incontra come ogni anno gli operatori finanziari. Alla presentazione del rapporto annuale dell’Autorità nazionale per le società e la Borsa.

Savona ha lanciato la proposta di titoli senza scadenza per spingere la ripresa e a proposito del rapporto tra Italia ed Europa ha sottolineato come la prima “non rappresenta un problema finanziario per il resto dell’Europa e del mondo, ma una risorsa. Procedono a Villa Pamphili gli Stati Generali dell’Economia, oggi tavolo con commercianti e mondo delle banche e un fuori programma: l’incontro tra il presidente del Consiglio Conte e Aboubakar Soumahoro, sindacalista da sempre in difesa dei lavoratori dell’agricoltura, Soumahoro si è incatenato all’ingresso di Villa Pamphili per rivendicare i diritti di chi lavora nei campi. Consob, Stati generali e turismo al centro del dialogo tra Donato Bendicenti e i suoi ospiti: Carlo Calenda (Azione) e Roberto Occhiuto (Forza Italia).

I pilastri del patto

Piano Colao, interlocuzioni con le parti sociali, decreto rilancio questo l’ordine del giorno degli Stati Generali dell’Economia in corso a Villa Pamphili. Intanto nel giorno delle riaperture delle frontiere Ue, nuovo confronto tra il premier britannico Boris Johnson, la presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen, il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel e quello del parlamento Europeo David Sassoli.

Al termine Johnson si è mostrato fiducioso: “Non vediamo ragioni per le quali non possa essere fatto a luglio. Veramente non credo che siamo molto distanti, quello di cui ora abbiamo bisogno è di un po’ di grinta nei negoziati”, Stati generali, Brexit e didattica a distanza gli argomenti affrontati da Donato Bendicenti con i suoi ospiti: Fabrizio Finzi (ANSA) e Mauro Calise ( politologo).

La lezione della crisi

  “La ripresa dev’essere inclusiva” questa è una delle grandi lezioni che la crisi Covid-19 ci ha lasciato. A dirlo la direttrice generale del Fondo Monetario Internazionale Kristalina Georgieva che oggi a proposito delle conseguenze del Coronavirus ha detto che “potrebbe spingere fino a 100 milioni di persone all’estrema povertà mandando all’aria i progressi degli ultimi tre anni”. Ha poi aggiunto che la drammaticità dei dati si può convertire in opportunità se si lasciano da parte le logiche del passato. La direttrice del FMI sarà tra gli ospiti degli Stati Generali dell’Economia, fortemente voluti dal presidente del Consiglio Conte, che avranno inizio a partire da sabato a Villa Pamphili. Stati generali che saranno invece disertati dal centrodestra. Domani il primo ministro Conte, il ministro dell’interno Lamorgese e quello della salute Speranza saranno sentiti dalla procura di Bergamo come persone informate dei fatti rispetto al caso dei comuni della Valle Seriana Nembro e Alzano. Di chi fu la responsabilità della mancata zona rossa? Questi gli argomenti al centro della discussione tra Donato Bendicenti e i suoi ospiti: Michele Sodano (Movimento 5 Stelle) e Sestino Giacomoni (Forza Italia)

Le previsioni Ocse

Dopo i dati dell’Istat dei giorni scorsi, arrivano oggi le previsioni dell’Ocse. In caso di nuova ondata Covid le ripercussioni sul Pil italiano sarebbero drammatiche, con un calo del 14% per l’anno in corso. Il segretario generale Angel Gurria rispondendo ad una domanda sul debito italiano ha detto: “non è il momento di applicare le regole strettamente alla lettera. oggi non dobbiamo focalizzarci sulle regole come quella del 3% dell’unione europea. oggi dobbiamo impiegare tutte le risorse che abbiamo, non bisogna lasciare nulla da parte, per combattere il virus, per vincere questa guerra contro il nemico”. In vista degli Stati Generali dell’Economia, a Chigi continuano gli incontri tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i suoi ministri, intanto il centrodestra compatto ha fatto sapere che non parteciperà. Fa un appello a una limpida dialettica tra maggioranza e opposizioni, il ministro della Salute Roberto Speranza nel corso delle sue comunicazioni al Senato. “Sulla sanità giù bandierine di fazione” ha ribadito Speranza. Intanto a Bruxelles il vicepresidente della commissione Valdis Dombrovskis chiede di accelerare i tempi sul Recovery Plan, mentre l’alto rappresentante Borrell annuncia che dal 1luglio l’Unione Europea riaprirà le frontiere esterne. Ancora in salita i negoziati sulla Brexit, “Il Regno Unito non può chiedere i vantaggi garantiti agli stati membri” ha dichiarato Michel Barnier, Donato Bendicenti ne ha parlato con Carlo Fidanza (Fratelli d’Italia) e Benedetto Della Vedova (+Europa).

Scontro su Arcelor Mittal

È scontro tra governo e Arcelor Mittal. Il piano presentato dalla multinazionale franco-indiana è stato giudicato inaccettabile dal ministro per lo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli. Un nuovo incontro è previsto per settimana prossima ma monta la tensione tra i lavoratori di Taranto e Genova oggi in sciopero in seguito alla notizia di nuovi esuberi. Intanto a Palazzo Chigi procede il confronto riguardo gli Stati Generali dell’economia. Economia in grave difficoltà specie in Italia e Francia dove la crisi Covid-19 ha portato a un crollo del PIL. “La caduta del Pil nel primo trimestre conferma le previsioni della Commissione e l’importanza dell’impegno comune per la ripresa #NextgenerationEu” ribadisce il commissario per gli affari economici Paolo Gentiloni in un tweet.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio oggi ad Atene ha incontrato il suo omologo greco. L’obiettivo di riaprire gradualmente i confini agli italiani è stato raggiunto e la Grecia toglierà dal prossimo lunedì, in maniera graduale fino alla fine del mese, tutte le limitazioni nei confronti dell’Italia. “Entro fine mese la Grecia toglierà qualsiasi blocco”, ha confermato Di Maio. Donato Bendicenti ne ha parlato con Francesco Paolo Sisto (Forza Italia) e Brando Benifei (Partito Democratico).

Il turno dell’Europa

“Il ritorno dell’Unione Europea alla normalità richiede, sui movimenti alle frontiere, criteri condivisi, trasparenza e pieno coordinamento. Questo l’obiettivo della lettera che ho inviato, insieme a Pedro Sanchez alla presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen”. così su twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. La questione dei confini divide l’Europa e rischia di danneggiare il settore turistico italiano già gravemente compromesso.

La scelta dell’Italia è chiara -rimarca il ministro degli esteri Di Maio che, a seguito di un incontro a Berlino con l’omologo Maas, dice: “c’e’, a mio avviso, una sostanziale e netta differenza tra il concetto di sovranita’, un concetto legittimo per uno stato che nutre le proprie ambizioni e quello di sovranismo, un concetto strumentale e deleterio non solo dell’intero impianto comunitario, ma anche degli stessi interessi nazionali dei singoli stati. di fronte a questo bivio, l’Italia ha gia’ scelto e mi auguro facciano lo stesso anche altri paesi”. In attesa che l’Europa faccia la sua mossa, rimangono sul tavolo di Chigi Recovery Fund, MES e decreto scuola con le opposizioni che in aula fanno ostruzionismo. Nella giornata mondiale dell’Ambiente il commissario agli affar economici Paolo Gentiloni ha ricordato l’importanza degli investimenti per la transizione ecologica, facendo riferimento anche all’ex Ilva, Proseguono i difficili negoziati su Brexit. Donato Bendicenti ne ha parlato con i suoi ospiti: Raffaella Paita (Italia Viva) e Giorgio Mulè (Forza Italia).